Autore Topic: Come contrastare il filtraggio al traffico P2P applicato da alcuni gestori adsl  (Letto 9862 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline dylandog84

  • Moderatore Globale
  • *
  • Post: 1668
  • Karma: 11
  • Sesso: Maschio
Come contrastare il filtraggio al traffico P2P applicato da alcuni gestori adsl


Come appurato tempo addietro, alcuni gestori adsl, tra cui Tele2 e Libero, applicano restrizioni al p2p.

La motivazione rilasciata da questi provider è riconducibile all'impossibilità di gestire il traffico p2p (gratuito) assieme ai servizi che loro stessi offrono ai propri abbonati (navigazione, posta elettronica, VoIP...), cioè la loro fonte di guadagno.

Le cause che hanno portato all'"approvazione" di questa politica di filtraggio sono imputabili alla qualità delle linee che queste società gestiscono. Infatti, la maggior parte delle volte, queste infrastrutture vengono vendute all'ingrosso (wholesale) dai provider più importanti (Telecom) ed acquistate dai piccoli gestori adsl (Tele2, Libero). Questa condizione è scadente rispetto all'offerta di affitto di tali linee con la formula ULL.

Anche le offerte che sfruttano altri protocolli (UMTS e HSDPA) sono condizionante dalle restrizioni al traffico p2p. Le "famose" internet key, ovvero quegli strumenti che si appoggiano alle due reti poc'anzi citate, possono rendere la vita difficile ai client p2p.

Detto questo, pare che in quest'ultimo periodo anche Alice applichi una sorta di filtraggio in alcune zone d'Italia, attivandolo a chi utilizza il client eMule.
Prove che confermino l'effettiva applicazione di tale politica non esistono, ma nel web sono rintracciabili alcune testimonianze interessanti che evidenziano questo comportamento "anomalo". A partire da Aprile 2010, sembra che anche Alice si stia ufficialmente uniformando con quanto eseguito dagli altri gestori adsl minori, testando le restrizioni in determinate aree geografiche nazionali. In riferimento a questo aggiornamento, potete trovare un thread qui.

Attenzione: A partire dallo 01/03/2011 anche Telecom inizierà ad applicare i filtri sulle proprie linee. La notizia è stata riportata qui e qui dallo stesso gestore adsl.

Con eMule potete utilizzare dei piccoli accorgimenti che hanno lo scopo di contrastare in qualche modo questo filtraggio (non è detto che siano efficaci):

  • 1) Utilizzate l'ultima versione di emule, la release 0.50a, dato che include anche l'offuscamento alla rete KAD.

  • 2) Preferite l'utilizzo delle porte TCP/UDP a 5 cifre, scelte a caso e presenti tra le 65000 disponibili. Ricordo che l'eventuale cambio di questi valori comporta la modifica delle regole create nel proprio router (sempre se lo si possiede) e nel proprio firewall.

  • 3) Attivate l'offuscamento del protocollo situato in opzioni --> sicurezza, abbinandolo all'opzione "Permetti solo connessioni offuscate".

  • 4) Aumentate il "campo di riempimento" riguardante l'offuscamento TCP inserendo questa stringa CryptTCPPaddingLength=255 nel file preferences.ini presente nella cartella Config di eMule, subito dopo la dicitura [eMule] (eseguite l'operazione con il client chiuso).
    Attenzione: alcune mod supportano un padding massimo di 254 byte.

  • 5) Modificate i valori di "fonti massime per file" e "connessioni massime" (presenti in opzioni --> connessione) impostando il primo dato a 250 ed il secondo a 120.

  • 6) Lasciate inalterato il "N° massimo di nuove connessioni ogni 5 sec" a 20, mentre diminuite a 6 il valore riferito alla voce "N° massimo connessioni parziali aperte (queste indicazioni sono reperibili in opzioni --> opzioni avanzate).


Questa guida è pubblicata con licenza Creative Commons Attribution 2.5 License
« Ultima modifica: 11 Aprile 2020, 13:42:20 pm da dylandog84 »